Bioflavonoïdes

Ci sono più di 4000 varietà di bioflavonoidi nel regno vegetale, precedentemente noti come vitamina P. Potenti antiossidanti con azioni multiple, fanno parte dei tesori della dieta che dovrebbero essere consumati quotidianamente. Dove si trovano? Quali sono le loro proprietà? Vi diciamo tutto ...

Origine

Fu nel 1936 che lo scienziato ungherese Albert Szent-Gyorgyi scoprì per caso i bioflavonoidi (chiamati anche flavonoidi) mentre cercava di trattare un paziente affetto da fragilità capillare. Ha isolato dal limone un fattore chiamato citrino che ha la capacità di aumentare la resistenza capillare riducendo la sua permeabilità. L'ha chiamata vitamina P, per "permeabilità".
In seguito ci si rese conto che questa vitamina non era una vitamina, perché la sua carenza non causava alcun sintomo particolare. Da vitamina P, è diventato "flavonoidi". Questi flavonoidi sono spesso pigmenti responsabili del colore del frutto, dal rosso al giallo al viola. Possono essere calconi, auroni, flavonoli o antocianosidi.
I flavonoidi sono anche usati dalle piante come protezione contro i raggi UV del sole o contro l'attacco di patogeni o insetti. Per questo motivo, si trovano in alte concentrazioni nella pelle o negli strati esterni di piante, frutta e verdura, da qui l'interesse a non sbucciarle prima del consumo, quando possibile.

Fonti alimentari

I flavonoidi sono presenti in frutta e verdura colorata. I più noti sono:

Quercetina, che si trova in abbondanza in capperi, cipolle rosse e mele, e in misura minore in uva, vino rosso, piccole bacche (mirtilli, ribes, mirtilli rossi...), ciliegie, broccoli, agrumi e tè.

I citroflavonoidi sono concentrati negli agrumi, come indicano i loro nomi, e in particolare nella buccia, da cui l'utilità di usare la buccia in cucina.

Gli antociani, presenti nelle more, nelle melanzane, nelle ciliegie, nei lamponi, nelle prugne e nei mirtilli.

Flavanedioli, abbondanti in anacardi, arachidi, cacao e uva.

I flavonoidi sono concentrati nella periferia degli alimenti, a livello della buccia o appena sotto, quindi è saggio sbucciare il meno possibile la frutta e la verdura prima di mangiarla. Inoltre, questi antiossidanti sono sia sensibili al calore che idrosolubili, il che significa che vengono distrutti alle alte temperature e si disperdono nell'acqua di cottura.
Pertanto, preferiamo la frutta e la verdura cruda, e la cottura delicata, al vapore o in umido in un piccolo volume d'acqua.

Benefici e virtù

Protezione contro le malattie cardiovascolari

È all'inizio degli anni novanta, al momento della messa in evidenza del paradosso francese, che le ricerche sui flavonoidi cominciano veramente. In seguito all'osservazione che i francesi del sud-ovest soffrivano meno di malattie cardiovascolari nonostante un'alimentazione molto ricca, la spiegazione si trova nei flavonoidi del vino rosso, ma anche della frutta e delle verdure colorate.
Una revisione dei recenti dati epidemiologici e clinici sull'argomento1 conclude che la maggior parte dei flavonoidi ha effetti benefici sulla salute cardiovascolare.

Prevenzione del cancro ai polmoni e al pancreas

La quercetina, naturalmente presente in cipolle, aglio, mele, capperi e mirtilli, è quella che, se consumata regolarmente, ridurrebbe il rischio di cancro ai polmoni nei fumatori. Uno studio2 suggerisce anche che la quercetina può ridurre il rischio di cancro al pancreas negli uomini.

Regola la pressione sanguigna

Uno studio condotto presso la Mount Sinai School of Medicine di New York3 suggerisce che le persone con pressione alta hanno bassi livelli di flavonoidi. Lo studio ha scoperto che l'integrazione di flavonoidi è effettivamente in grado di abbassare la pressione sanguigna per regolarla.

Trattamento delle allergie

È ancora la quercetina (cipolle, aglio, agrumi, capperi...) che avrebbe la capacità di inibire il rilascio di istamina responsabile delle crisi di allergia. Agisce quindi come un antistaminico naturale, capace di ridurre i sintomi delle allergie stagionali, delle allergie alimentari e anche delle reazioni asmatiche.

Allevia le vene varicose

Sono le oxerutine, derivate dalla rutina (un tipo di flavonoide), che sono state oggetto di ricerche sul loro ruolo nell'insufficienza venosa e quindi nelle vene varicose.
Una meta-analisi del 19944 ha concluso che queste oxerutine erano efficaci nell'alleviare i sintomi dell'insufficienza venosa. Nel 2010, uno studio inglese5 conferma l'utilità di alcuni derivati flavonoidi (diosmina e oxerutina) per migliorare la circolazione del sangue e alleviare il gonfiore delle gambe e il dolore dell'insufficienza venosa.

Posologia

Gli integratori alimentari ricchi di flavonoidi sono più spesso basati su oli essenziali di semi di agrumi, ricchi di esperidina e rutina. Possono essere presentati:
in estratto liquido, generalmente dosato a 1g di bioflavonoidi per 100 ml: prendere 20 gocce tre volte al giorno
In compresse da 500 mg: da prendere due volte al giorno.

Nel caso dell'esorutina da prendere per prevenire un volo, si raccomanda da 1 a 2 g al giorno per 3 giorni, iniziando il trattamento 2 giorni prima della partenza.

Effetti collaterali e controindicazioni

Le donne incinte, le donne che allattano, i bambini e le persone che soffrono di disturbi della coagulazione del sangue o che sono in trattamento con anticoagulanti sono invitati a consultare un medico prima di intraprendere un trattamento.

Lise Lafaurie - Diététicienne et nutritionniste

Lise Lafaurie

Diététicienne et nutritionniste, bonne vivante et décomplexante j'ai pour vocation de dépoussiérer la vision austère et vieillotte de la diététique traditionnelle. Auteur du blog Les Frites Vertes, la devise qui m'est chère "si c'est bon pour mes papilles, c'est bon pour mon corps".

  • Summary