Cohosh

Questa pianta medicinale che cresce nelle pianure del Nord America era già ampiamente utilizzata al tempo degli Amerindi. Attualmente si trova in molti preparati utilizzati per combattere i disturbi legati al ciclo o alla menopausa. Concentriamoci su questa pianta benefica!

Origine

Questa vigorosa pianta erbacea, che può raggiungere i due metri di altezza, ama il terreno umido e i luoghi ombrosi e cresce principalmente in Nord America (Canada e Stati Uniti). Furono gli aborigeni amerindi che la usarono per la prima volta per scopi medicinali, per curare i disturbi femminili e per alleviare i dolori associati al parto. La chiamavano Rattlesnake herb a causa delle sue capsule granulari che producono un suono simile a quello di un serpente a sonagli quando il vento le scuote.
La pianta fu rapidamente adottata dai coloni europei e inclusa nella farmacopea americana.
Nel 1875, fu inclusa nel Vegetable Compound di Lydia Pinkham, un rimedio molto popolare usato per alleviare i sintomi premestruali. All'inizio del XIX secolo, la medicina americana lo utilizzava in ginecologia e per alleviare l'artrite e i reumatismi.
I medici tedeschi hanno usato il cohosh a metà del XX secolo come terapia ormonale naturale per le donne in menopausa.

I principi attivi

Sono le radici e il rizoma del cohosh che sono essenzialmente utilizzati in fitoterapia. I principali principi attivi sono i glicosidi triterpenici, l’acido fukinolico, i tannini (isoflavoni) e gli acidi fenolcarbossilici.
Per molto tempo si è pensato che questi principi attivi avessero un meccanismo d'azione simile a quello degli ormoni femminili (estrogeni), ma studi recenti hanno dimostrato che in realtà è un altro il meccanismo all'opera. I principi attivi del cohosh avrebbero infatti un'azione più vicina a quella dei recenti antidepressivi (dopamina, serotonina, oppioidi).

Benefici e virtù

Alleviare i disturbi della menopausa

Il cohosh ha effetti positivi sulla maggior parte dei sintomi della menopausa. Questi disturbi possono essere neurovegetativi (vampate di calore, disturbi del sonno, sudorazione ...) o psicologici (irritabilità, nervosismo, disturbi dell'umore, ansia, diminuzione della libido ...).
La Commissione Europea, l'EMA (European Medicines Agency) e l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) riconoscono l'efficacia del cohosh contro i sintomi della menopausa.
Ci sono diversi studi sull'efficacia degli estratti di Black Cohosh, ma il più conclusivo risale al 2006 e conclude che "il Black Cohosh sembra essere una delle piante più efficaci per il sollievo dei sintomi vasomotori".

Alleviare la sindrome premestruale

Il cohosh nero è anche molto efficace per alleviare le mestruazioni dolorose, riducendo la formazione di coaguli e facilitando l'evacuazione dei residui endometriali. Ha anche un'efficace azione antispasmodica.
Gli altri sintomi della sindrome premestruale sarebbero anche alleviati dal cohosh: tensioni mammarie, irritabilità e pancia gonfia.

Alleviare i reumatismi e l'artrite

Il cohosh è comunemente usato per alleviare rigidità, nevralgie, dolori reumatici, tendiniti e dolori muscolari. I nativi americani e i coloni europei lo usavano già in passato in questo modo.

Dosaggio

Il cohosh è disponibile in diverse forme, ognuna con un diverso dosaggio.
- Compresse di estratto standardizzato, spesso 20 mg, contenenti 1 mg di principio attivo (deoxychaetein, che appartiene ai glicosidi triterpenici). Si consiglia da 1 a 2 compresse due volte al giorno.
- In tintura madre (60%): si raccomandano da 0,5 a 2 ml al giorno.
- In radice e rizoma essiccati: fino a 40 mg al giorno.

Ci vogliono da 4 a 6 settimane di trattamento per sentire i risultati, da qui l'importanza di continuare la cura assiduamente anche in assenza di risultati nelle prime settimane.

Effetti collaterali e controindicazioni

Gli effetti collaterali occasionali possono includere problemi gastrointestinali, sensazioni di pesantezza alle gambe, mal di testa, vertigini, aumento di peso o spasmi.

In caso di stanchezza anomala, ittero o urine di colore scuro, si consiglia di interrompere il trattamento e consultare un medico.

C'è stato un sospetto di tossicità epatica in diversi paesi, ma secondo gli esperti del National Center for Complementary and Alternative Medicine, non è stato stabilito alcun legame causale. Nel 2010, un'analisi di 69 casi di tossicità epatica attribuita al cohosh ha concluso che nessuno di questi casi poteva essere causato direttamente e unicamente dal consumo della pianta.

Il suo consumo è anche sconsigliato in caso di ipotensione o bradicardia, così come in caso di trattamento ipotensivo.

Lise Lafaurie - Diététicienne et nutritionniste

Lise Lafaurie

Diététicienne et nutritionniste, bonne vivante et décomplexante j'ai pour vocation de dépoussiérer la vision austère et vieillotte de la diététique traditionnelle. Auteur du blog Les Frites Vertes, la devise qui m'est chère "si c'est bon pour mes papilles, c'est bon pour mon corps".

  • Summary