Dente di Leone

Dente di Leone

Ben noto ai bambini che si divertono a soffiare sui suoi pistilli bianchi dopo la fioritura, il dente di leone è ancora più noto agli appassionati di erboristeria! Scopri tutto su questa pianta...

Origine

Questa pianta erbacea perenne della famiglia Taraxacum è presente tutto l'anno nei campi e nei prati. Le sue radici possono raggiungere una profondità di 50 cm e sono, insieme alle foglie, le parti della pianta più utilizzate in fitoterapia.

Il suo uso come pianta medicinale risale a qualche migliaio di anni prima della nostra era, da parte dei medici arabi che già la menzionavano nei loro scritti. Fu poi ampiamente utilizzato dai greci nell'antichità, ma solo nel XVI secolo entrò a far parte della medicina tradizionale per trattare le malattie dei reni, i disturbi della cistifellea o la ritenzione idrica. Poi, nel XIX secolo, fu il dottor Leclerc a rivelare i suoi benefici per il fegato e la cistifellea.

A quel tempo, il dente di leone era usato nella medicina tradizionale cinese per alleviare i pazienti affetti da cancro o epatite e per rafforzare il sistema immunitario.

Oggi, l'uso del dente di leone è riconosciuto in molte farmacopee ufficiali in tutto il mondo, tra cui India, Gran Bretagna, Germania e Cina.

Benefici nutrizionali

Le foglie di dente di leone possono essere mangiate fresche, in insalata. Sono molto interessanti dal punto di vista nutrizionale perché sono molto ricchi di fibre, vitamine (A, B6, B9 e C), minerali (calcio, ferro e potassio) e antiossidanti.

I suoi principi attivi sono numerosi, ma il più importante è senza dubbio la taraxina, responsabile dell'azione disintossicante e depurativa del dente di leone. È anche ciò che gli dà il suo sapore leggermente amaro.

Il dente di leone è anche molto ricco di flavonoidi e acidi fenolici, con riconosciute proprietà antiossidanti.

Infine, contiene terpeni, inulina (soprattutto nelle radici), fitosteroli e steroli.

Benefici e virtù

Il dente di leone è noto soprattutto per la sua forte azione diuretica. Questo effetto diuretico è stato studiato nell'uomo per la prima volta nel 2009, in uno studio americano1 che ne ha riconosciuto l'efficacia.

Previene i disturbi ai reni e al fegato

L'ESCOP (European Scientific Cooperative for Phytotherapy) riconosce anche l'uso della foglia di dente di leone come supplemento al trattamento di malattie per le quali è auspicabile aumentare l'eliminazione dell'urina (per esempio reumatismi e prevenzione dei calcoli renali). Si crede anche che la radice di dente di leone possa stimolare le funzioni biliari ed epatiche grazie alle sue proprietà colagoghe.

Agisce contro la ritenzione idrica

Grazie alle sue proprietà diuretiche, il dente di leone è efficace per favorire l'eliminazione dell'acqua in caso di ritenzione idrica, edema o cellulite.

Stimola l'appetito e allevia i lievi disturbi digestivi

La Commissione E riconosce l'uso delle foglie di dente di leone per trattare la perdita di appetito stimolando le secrezioni salivari e gastriche e attivando gli enzimi epatici.

Allevia anche il gonfiore, la nausea e i disturbi intestinali.

Combatte la stitichezza cronica

Le radici di dente di leone contengono una fibra alimentare appartenente alla famiglia dei fruttosani, nota per il suo potere lassativo.

Ipocolesterolemico

Gli steroli vegetali (fitosteroli) contenuti nel dente di leone aiutano a ridurre il colesterolo cattivo nel sangue (colesterolo LDL), che è responsabile dei disturbi cardiovascolari. Le sue proprietà leggermente fluidificanti aiutano anche a ridurre la formazione di placche ateromatose sulle pareti delle vene e delle arterie.

Migliora le dermatosi, le malattie della pelle (eczema, acne, psoriasi) e le verruche

La radice di dente di leone, come tintura madre o decotto, può alleviare l'eczema atopico e la dermatite. Le radici fresche in un cataplasma agiscono come una medicazione lenitiva.

Il lattice contenuto nel gambo è usato esternamente per trattare le verruche, grazie al suo effetto caustico sulla pelle.

Antireumatico

Spesso causati dall'accumulo di sali di acido urico nei tendini o nella cartilagine, i reumatismi e il dolore dell'osteoartrite possono essere alleviati da un trattamento con il dente di leone.

Posologia

Il dosaggio varia a seconda della parte utilizzata e del metodo di utilizzo.

  • Le radici di dente di leone sono più spesso preparate come decotto di 20 g di radici secche al giorno, macerate per 2 ore in 1 litro d'acqua e poi portate a ebollizione.

  • Le foglie di dente di leone possono essere messe in infusione: 50 g infusi in 1 litro di acqua bollente sono raccomandati per un'efficacia ottimale.

  • Sotto forma di un concentrato liquido di foglie e/o radici, da 15 a 60 gocce sono raccomandate da una a tre volte al giorno.

  • Le radici possono anche essere prese come succo: la dose è un cucchiaino da tè tre volte al giorno.

  • Il lattice contenuto nel gambo può essere applicato localmente per trattare problemi di pelle (verruche, herpes)

Effetti collaterali e controindicazioni

Le persone che soffrono di calcoli biliari dovrebbero consultare il loro medico prima di prendere il dente di leone.

Allo stesso modo, le persone che soffrono di malattie cardiache o renali dovrebbero evitare il consumo regolare di dente di leone.

Le piante appartenenti alla famiglia delle Asteraceae (cicoria, dente di leone, margherite, carciofo, ecc.) sono allergeniche, quindi se siete allergici a una di queste piante, il dente di leone non dovrebbe essere mangiato.

Infine, il lattice contenuto negli steli può anche causare reazioni allergiche alla pelle.

Riferimenti

1. The diuretic effect in human subjects of an extract of Taraxacum officinale folium over a single day. Clare BA, Conroy RS, Spelman K. J Altern Complement Med. 2009 Aug;15(8):929-34.

I nostri prodotti in contenitori

Lise Lafaurie - Diététicienne et nutritionniste

Lise Lafaurie

Dietologa e nutrizionista, amante della vita e ho la vocazione a rispolverare la visione austera e vecchio stile della dieta tradizionale. Autrice del blog "Le Patatine Verdi", il motto che mi è caro "se fa bene alle mie papille gustative, fa bene al mio corpo".