Carciofo (cynara scolymus)

Il carciofo è un cardo domesticato e coltivato, che appartiene alla famiglia delle Asteraceae, proprio come il dente di leone, la cicoria, la bardana, la camomilla o l'arnica. Originario del bacino del Mediterraneo, questo ortaggio a foglia è soprattutto una pianta medicinale con molte virtù, già usata nell'antichità da Greci e Romani. Scopriamo i molti vantaggi di questo insolito ortaggio...

Origine

Le sue origini sarebbero del Nord Africa, dell'Egitto o dell'Etiopia. Il suo nome, che gli è stato attribuito durante il Rinascimento, deriva dall'arabo "ardhi-chawki" attraverso il lombardo "articiocco". Fu Caterina de Medici a introdurre il carciofo in Francia nel 1533, segnando l'inizio della sua grande popolarità. Ci sono due tipi di carciofi a seconda della forma del bocciolo: conico (violetto di Provenza o di Venezia, Poivrade, Sara o Macao) o rotondo (« gros camus » di Bretagna, « gros vert » di Laon, « vert »della Provenza o spinoso). La sua coltivazione è abbastanza delicata poiché ha bisogno di spazio sufficiente per uno sviluppo armonioso, una buona concimazione, molta acqua, una temperatura mite senza canicole e una temperatura fresca senza gelate.

Benefici nutrizionali

Antiossidanti in abbondanza

Il carciofo è una miniera di componenti fenolici (narirutina, cinarina...) e antociani dal forte potere antiossidante. Il carciofo contiene anche Symilarine che avrebbe un effetto sulla prevenzione di certi tumori e la vitamina C, vitamina antiossidante per eccellenza.

Inulina

Questo zucchero non digeribile si comporta come una fibra prebiotica: non assorbito dall'intestino tenue, fermenta nel colon e nutre i bifidobatteri che sono benefici per la salute e il sistema immunitario.

Fibra di qualità eccellente

Il carciofo è un'ottima fonte di fibre solubili e insolubili, ed è quindi un alimento perfetto per facilitare il transito intestinale e contribuire alla sazietà.

Numerosi minerali

Magnesio, rame, ferro e manganese in quantità significative. Il carciofo fa parte delle verdure ad alta densità minerale.

Benefici e virtù del carciofo

Stimola il fegato

Sono la cinarina e la luteolina che contiene che conferirebbero al carciofo le sue proprietà coleretiche e depurative. Questi due elementi stimolano la secrezione della bile e facilitano l'evacuazione della cistifellea. Tuttavia, è in fitoterapia ed erboristeria che queste proprietà depurative sono le più efficaci poiché la cinarina e la luteolina sono essenzialmente presenti nel gambo e nelle parti dure delle foglie del carciofo, e in minor quantità nel centro del fiore.

Diuretico

Il carciofo facilita l'eliminazione renale e urinaria grazie all'inulina e al potassio che contiene. È quindi un perfetto alleato detox dopo pasti ricchi e/o in cui si é bevuto dell’alcol. È anche usato per migliorare i problemi di ritenzione idrica.

Attività dimagrante: regola il transito e l'appetito

Ed è ancora la preziosa inulina che contiene che è responsabile di queste due azioni. Poiché l'inulina è uno zucchero che non viene digerito dal corpo, rimane nell'intestino, attira l'acqua e facilita il transito. E come tutte le fibre, contribuisce a far raggiungere rapidamente una sensazione di sazietà duratura. Il carciofo è quindi un ortaggio dimagrante per eccellenza! È inoltre ciò che conferma uno studio ungherese che propone a un gruppo di persone obese un supplemento quotidiano di succo concentrato di carciofo: la loro sensazione di fame diminuisce e il loro indice di massa corporea diminuisce in modo significativo.

Cardioprotettivo e ipercolesterolemico

Si pensa che il carciofo selvatico sia in grado di aumentare la produzione di ossido nitrico che favorisce la vasodilatazione e limita la formazione di placche di ateroma, contribuendo a prevenire la comparsa di malattie cardiovascolari.
Inoltre, l'inulina contenuta nel carciofo avrebbe la capacità di regolare i lipidi nel sangue (riduzione del colesterolo cattivo e aumento del colesterolo buono) e di prevenire l'aterosclerosi. Gli studi fatti sui topi mostrano addirittura una diminuzione del 35% delle lesioni arteriose in caso di integrazione di inulina! Infine, le fibre solubili presenti nei carciofi formano una rete intorno al bolo alimentare e limitano l'assorbimento di grassi, zuccheri e colesterolo.

Anti-cancro

I flavonoidi e l'apigenina contenuti nel carciofo sarebbero in grado di distruggere - in laboratorio - le cellule tumorali del pancreas umano. Questi sono i risultati di uno studio condotto da Elvira de Meija, docente di chimica e tossicologia alimentare all'Università dell'Illinois, che sostiene che « Da sola, l'apigenina provoca la morte cellulare in due colture aggressive di cellule tumorali pancreatiche nell'uomo. »

Posologia

- In fitoterapia, gli integratori alimentari di concentrato di carciofo o di estratti standardizzati possono essere consumati da 800 mg a 2 g al giorno, o da 20 a 30 gocce di tintura madre tre volte al giorno.
- In infusione, un cucchiaino di foglie secche per tazza da lasciare in infusione per 3 minuti, da due a tre tazze al giorno.

Effetti collaterali e controindicazioni

Se il carciofo è un ortaggio non solo inoffensivo ma per di più eccellente per la salute, la sua assunzione sotto forma di complementi alimentari può essere, in certi casi particolari, da evitare.
A causa della sua azione coleretica, le persone inclini a calcoli biliari, calcoli o dotti biliari ostruiti, dovrebbero consumarlo con parsimonia ed evitare di utilizzare le cure a base di carciofo. Le donne incinte e i bambini piccoli dovrebbero evitare un'integrazione quotidiana. Allo stesso modo, in caso di iperkaliemia, è preferibile consumare il carciofo con parsimonia. Infine, l'inulina che contiene può, a dosi forti, provocare disturbi digestivi e persino diarree alle persone con l'intestino fragile.

Andiamo oltre ... nuove scoperte scientifiche

Gli studi condotti nel 2015 hanno rivelato l'azione ipoglicemizzante dell'estratto di foglie di carciofo. Sono le fibre solubili che contiene che, da un lato stimolerebbero gli enzimi coinvolti nella regolazione dello zucchero nel sangue e dall'altro avrebbero un'azione meccanica che limita l'assorbimento degli zuccheri ad assimilazione rapida durante la digestione. Un ulteriore vantaggio per la salute di questo ortaggio che ha più di un asso nella manica!

Lise Lafaurie - Diététicienne et nutritionniste

Lise Lafaurie

Diététicienne et nutritionniste, bonne vivante et décomplexante j'ai pour vocation de dépoussiérer la vision austère et vieillotte de la diététique traditionnelle. Auteur du blog Les Frites Vertes, la devise qui m'est chère "si c'est bon pour mes papilles, c'est bon pour mon corps".

  • Summary