Dunaliella salina

Dunaliella salina è una microalga che si trova nelle paludi salmastre, alle quali dà il suo bel colore rosa-arancio. È anche uno dei pochi organismi capaci di sopravvivere in condizioni così salate! Scopriamo le proprietà di questa incredibile alga...

Origine

Fu durante l'Impero Romano che lo scrittore e storico Plinio il Vecchio menzionò per la prima volta la Dunaliella Salina nei suoi testi. Ha descritto un fiore di sale color ruggine chiamato "Flo Salis", un colore che ha derivato dalle alghe.
La Dunaliella Salina fu poi studiata nel 1838 dal botanico francese Michel Felix Dunal, che le diede il nome di Haematococcus salinus e mise fine alla credenza che il colore rosa/arancio delle saline fosse prodotto dai gamberi.
Fu solo nel 1905 che fu studiata e nominata dal rumeno Teodoresco che pubblicò un articolo che descriveva questa insolita alga. Da allora, la dunaliella è stata oggetto di molte ricerche volte a comprendere la sua alta tolleranza al sale.
Sta diventando gradualmente chiaro che l'alga si è caricata di pigmenti che la proteggono dalla forte esposizione alla luce che sperimenta nelle acque molto basse delle paludi salate. Questi pigmenti gli permettono di proteggersi dalla foto-ossidazione, dovuta ai raggi UV.

Vantaggi nutrizionali

Sono i pigmenti rossi che la Dunaliella Salina contiene in grandi quantità per proteggersi dai raggi solari che le danno il suo colore insolito per un'alga, oltre alle sue numerose proprietà. La Dunaliella Salina contiene non meno di 4 pigmenti noti per la loro azione antiossidante: beta carotene, astaxantina, luteina e zeaxantina. Questa combinazione di carotenoidi agisce in sinergia a diversi livelli del corpo (vista, pelle, cellule).
Dunaliella salina è anche un'ottima fonte di acidi grassi polinsaturi, omega 3 e omega 6.

Benefici e virtù

Come i carotenoidi che contiene in grandi quantità, la dunaliella salina è un'alga estremamente antiossidante. Una cura di dunaliella salina contribuirebbe così a :

Preparare la pelle al sole

I carotenoidi sono precursori della vitamina A e, in particolare, il beta-carotene e la luteina, sono pigmenti che attivano la melanogenesi (produzione di melanina da parte della pelle). Preparano così la pelle al sole aiutando l'epidermide a rafforzare la sua resistenza ai raggi ultravioletti.
Il beta-carotene è anche responsabile dell'inibizione della produzione di radicali liberi dai raggi UV.

Lotta contro l'invecchiamento precoce

Questa sinergia di 4 carotenoidi, già noti individualmente per i loro effetti antiossidanti, non fa che decuplicarli! Infatti, la dunialellia Salina è 10 volte più antiossidante del solo beta-carotene. Questa preziosa alga ci permette così di lottare molto efficacemente contro gli effetti deleteri dei radicali liberi e di limitare l'invecchiamento prematuro delle cellule. Prevenire le malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro I carotenoidi sono stati oggetto di diversi studi, tra cui uno nel 2011, correlando bassi livelli di carotenoidi nel sangue con una maggiore vulnerabilità alle malattie cardiovascolari e ai tumori. La supplementazione è quindi raccomandata per ripristinare le scorte protettive di carotenoidi.

Prevenire la demenza senile

Un vasto studio realizzato nel 2007 su 6.000 persone all'Università di Harvard ha evidenziato l'efficacia del beta-carotene nella prevenzione della demenza senile. Questo è in gran parte dovuto all'azione antiossidante della pro-vitamina A. Con la sua ricchezza in vari carotenoidi, la Dunialellia Salina sarebbe un integratore scelto per prevenire la demenza senile.

Dosaggio

La Dunialellia Salina si trova generalmente sotto forma di capsule che contengono tra 40 e 70 mg di principio attivo. Il dosaggio raccomandato è da una a due capsule al giorno da prendere con un pasto. Poiché il beta-carotene in eccesso viene eliminato attraverso le urine, non c'è rischio di sovradosaggio.

Effetti collaterali e controindicazioni

In assenza di dati sull'argomento, le donne incinte e che allattano, così come i bambini piccoli, dovrebbero evitare di assumere dunaliella salina.
Uno studio (ATBC) ha anche dimostrato che un'integrazione ad alto dosaggio (20 mg/giorno) di beta-carotene in forti fumatori cronici (più di 20 sigarette al giorno) aumenta significativamente il loro rischio di cancro ai polmoni.
Nei non fumatori, invece, è associato a un rischio ridotto di tumori della bocca, dell'esofago, della gola e dei polmoni. I fumatori pesanti dovrebbero quindi evitare qualsiasi integrazione di beta-carotene.
Bisogna anche notare che un consumo molto elevato di carotenoidi può causare il carotenoderma, che è una colorazione arancione della pelle, più pronunciata nelle pieghe del naso, della bocca, sulle piante dei piedi e tra le dita dei piedi e delle mani. Questo caotenoderma è completamente innocuo.

Lise Lafaurie - Diététicienne et nutritionniste

Lise Lafaurie

Diététicienne et nutritionniste, bonne vivante et décomplexante j'ai pour vocation de dépoussiérer la vision austère et vieillotte de la diététique traditionnelle. Auteur du blog Les Frites Vertes, la devise qui m'est chère "si c'est bon pour mes papilles, c'est bon pour mon corps".

  • Summary