Vitamina D

Principalmente sintetizzata dalla nostra pelle a contatto con i raggi UV, è anche conosciuta come la vitamina del sole. È essenziale per la salute ed è particolarmente efficace per rafforzare il sistema immunitario indebolito. Dove si trova? Quali sono i suoi benefici? Diamo un'occhiata alla vitamina D.

Origine

La scoperta della vitamina D è strettamente legata all'epidemia di rachitismo nella Londra del XIX secolo. Tutto ebbe inizio nel 1827 quando il dottor Pierre Bretonneau somministrò olio di fegato di merluzzo a un bambino di 15 mesi affetto da rachitismo, le cui condizioni migliorarono rapidamente. Poi, a metà degli anni 1860, il dottor Armand Trousseau fu il primo a raccomandare, nel suo manuale di medicina clinica, la combinazione di olio di fegato di merluzzo ed esposizione al sole per combattere il rachitismo.

All'inizio del XX secolo, un farmacologo britannico di nome Edward Mellanby dimostrò che questa malattia era il risultato di una carenza nutrizionale.

Nel 1922, il dottor McCollum isolò il calciferolo, e nel 1924, due ricercatori americani scoprirono simultaneamente che la luce del sole permetteva la sintesi della vitamina D.

Infine, la vitamina D fu sintetizzata per la prima volta nel 1952 da Woodward, che ricevette il premio Nobel per la chimica nel 1965.

Da allora, le proprietà della vitamina D sono state oggetto di un gran numero di studi: nel 2010, sono state registrate più di 2.500 pubblicazioni sul legame tra la vitamina D e alcuni tumori.

A causa della sua sintesi endogena e della sua azione cellulare paragonabile a quella degli steroidi, la vitamina D è ormai considerata un ormone steroideo calciotropico, e non realmente una vitamina, di cui conserva solo il nome.

Fonti alimentari

Mentre la vitamina D è in parte endogena, cioè sintetizzata direttamente dal corpo attraverso l'azione della luce solare, è anche esogena e quindi fornita dalla dieta.

Si dice che la vitamina D sia liposolubile, il che significa che è solubile nel grasso e quindi presente solo in alimenti ricchi di grassi. Si trova soprattutto nel pesce grasso.

Le migliori fonti alimentari di vitamina D sono :

  • Olio di fegato di merluzzo: 250 µg/100g

  • Anguilla cotta: 76,6 µg/100g

  • Aringa affumicata: 22 µg/100g

  • Trota: 22 µg/100g

  • Acciughe: 11 µg/100g

  • Sardine sott'olio: 10,8 µg/100g

  • Salmone: 8,7 µg/100g

  • Sgombro: 7,7 µg/100g

  • Tonno: 6,1 µg/100g

  • Uovo crudo: 3,25 µg/100g

  • Fegato di vitello: 2,5 µg/100g

Si stima che l'esposizione al sole possa coprire l'80-90% del fabbisogno di vitamina D. L'esposizione degli avambracci e del viso per 10-15 minuti senza protezione solare garantirebbe un apporto sufficiente per un adulto sano.

Benefici e virtù

Tratta la psoriasi

La psoriasi è una malattia della pelle che si verifica quando il sistema immunitario invia falsi segnali di pericolo che attivano un complesso proteico chiamato inflammasomi, inducendo il corpo a montare una risposta infiammatoria.

Secondo diversi studi(1)(2)(3) , il calcipotriolo - un derivato sintetico della vitamina D3 - può ridurre l'infiammazione della pelle associata alla psoriasi.

Aumenta l'immunità

Era già noto che la carenza di vitamina D era associata a una maggiore suscettibilità alle infezioni. Diversi studi clinici hanno poi dimostrato che l'integrazione di vitamina D può ridurre l'incidenza dell'influenza stagionale nei bambini(4), le infezioni respiratorie nei giovani uomini(5) e ridurre il rischio di ricaduta della polmonite nei bambini da 1 mese a 3 anni(6). Uno studio del 2010 a Copenhagen(7) ha anche trovato un ruolo per la vitamina C nell'attivazione delle cellule T, che sono necessarie per la risposta immunitaria.

Osteoporosi

La vitamina D è essenziale per il legame del calcio e del fosforo durante la digestione, ed è un importante contributore alla formazione di ossa forti e ad una buona mineralizzazione delle ossa.

La vitamina D e il calcio sono quindi raccomandati per la prevenzione o il trattamento dell'osteoporosi.

Diversi studi hanno confermato il ruolo della vitamina D in combinazione con il calcio nell'aumentare la densità minerale ossea e nel ridurre il rischio di osteoporosi e fratture(8)(9) .

Altri studi(10)(11) suggeriscono che la sola integrazione di vitamina D è efficace nella prevenzione delle fratture.

Prevenzione del cancro

Dopo numerosi studi sugli effetti della vitamina D su diversi tipi di cancro (colon-retto, seno, prostata, ecc.) senza risultati conclusivi, un recente studio prospettico molto ampio(12) pubblicato nel British Medical Journal sembra aver raggiunto conclusioni positive. Questo studio ha concluso che "livelli più alti di vitamina D sono associati a un rischio inferiore di cancro totale. Questi risultati supportano l'ipotesi che la vitamina D ha effetti protettivi contro i tumori in molti siti.

Prevenzione del diabete

I bambini adeguatamente integrati con vitamina D possono avere un rischio inferiore di sviluppare il diabete di tipo 1 in età adulta. Questo è stato suggerito in uno studio osservazionale(13) condotto nel 2008.

Questa vitamina gioca anche un ruolo importante nella prevenzione del diabete di tipo 2, grazie alla sua azione sulla regolazione dell'insulina e sull'infiammazione.

Carenza

La carenza di vitamina D è molto comune e colpisce quasi l'80% degli occidentali. Questa carenza non è insignificante, poiché è associata a un tasso di mortalità in eccesso del 26%.

I rischi di questa carenza sono variabili: dolori muscolari, aumento del rischio di fratture, maggiori rischi cardiovascolari e, naturalmente, crescita stentata, scarsa struttura ossea e persino rachitismo nei bambini.

Da qui l'importanza di integrare la vitamina D in inverno, quando si vive in una regione con poco sole e poca esposizione.

Fabbisogno giornaliero e posologia

I requisiti giornalieri di vitamina D sono stati basati sul contenuto di vitamina D di un cucchiaino di olio di pesce, una quantità sufficiente a prevenire il rachitismo nei bambini. Un cucchiaino di olio di pesce contiene almeno 400 UI di vitamina D o 10 µg di vitamina D.

Il fabbisogno giornaliero è di 10 µg per i bambini sotto 1 anno e di 15 µg per i bambini sopra 1 anno e gli adulti.

In caso di integrazione, le dosi raccomandate variano a seconda delle indicazioni: 

Per prevenire l'osteoporosi:

  • Per le persone sotto i 50 anni: da 10 a 25 µg di vitamina D al giorno associati a 1200 mg di calcio.

  • Per le persone oltre i 50 anni: da 20 a 50 µg di vitamina D al giorno combinati con 1200 mg di calcio.

Per prevenire il cancro: si raccomanda un supplemento di 25 µg di vitamina D al giorno in autunno e in inverno.

Per il diabete di tipo 1: l'integrazione con 4000 UI al giorno ha un effetto benefico sul controllo della glicemia nelle persone con diabete di tipo 1.

Effetti collaterali e controindicazioni

L'integrazione di vitamina D non è raccomandata per le persone con ipercalcemia.

Le persone con ipercalcemia o calcoli renali a base di calcio dovrebbero anche evitare di prendere la vitamina D.

Alcuni trattamenti (farmaci antiepilettici, anticonvulsivi, trattamento dell'AIDS) possono causare carenza di vitamina D.

Poiché la vitamina D è liposolubile, qualsiasi eccesso si accumula nel corpo e non viene espulso nelle urine. Se l'assunzione è davvero troppo alta, possono verificarsi alcuni problemi: nausea, mal di testa, stanchezza e perdita di peso. Questi problemi scompaiono non appena il trattamento viene interrotto.

Riferimenti

1. Fogh K, Kragballe K. New vitamin D analogs in psoriasis. Curr Drug Targets Inflamm Allergy. 2004;3(2):199-204. doi:10.2174/1568010043343930
2. Hegyi Z, Zwicker S, Bureik D, et al. Vitamin D analog calcipotriol suppresses the Th17 cytokine-induced proinflammatory S100 "alarmins" psoriasin (S100A7) and koebnerisin (S100A15) in psoriasis. J Invest Dermatol. 2012;132(5):1416-1424. doi:10.1038/jid.2011.486
3. Vähävihu K, Ala-Houhala M, Peric M, et al. Narrowband ultraviolet B treatment improves vitamin D balance and alters antimicrobial peptide expression in skin lesions of psoriasis and atopic dermatitis. Br J Dermatol. 2010;163(2):321-328. doi:10.1111/j.1365-2133.2010.09767.x
4. Urashima M, Segawa T, Okazaki M, Kurihara M, Wada Y, Ida H. Randomized trial of vitamin D supplementation to prevent seasonal influenza A in schoolchildren. Am J Clin Nutr. 2010;91(5):1255-1260. doi:10.3945/ajcn.2009.29094
5. Laaksi I, Ruohola JP, Mattila V, Auvinen A, Ylikomi T, Pihlajamäki H. Vitamin D supplementation for the prevention of acute respiratory tract infection: a randomized, double-blinded trial among young Finnish men. J Infect Dis. 2010;202(5):809-814. doi:10.1086/654881
6. Manaseki-Holland S, Qader G, Isaq Masher M, et al. Effects of vitamin D supplementation to children diagnosed with pneumonia in Kabul: a randomised controlled trial. Trop Med Int Health. 2010;15(10):1148-1155. doi:10.1111/j.1365-3156.2010.02578.x
7. von Essen MR, Kongsbak M, Schjerling P, Olgaard K, Odum N, Geisler C. Vitamin D controls T cell antigen receptor signaling and activation of human T cells. Nat Immunol. 2010;11(4):344-349. doi:10.1038/ni.1851
8. Tang BM, Eslick GD, Nowson C, Smith C, Bensoussan A. Use of calcium or calcium in combination with vitamin D supplementation to prevent fractures and bone loss in people aged 50 years and older: a meta-analysis [published correction appears in Lancet. 2012 Sep 1;380(9844):806]. Lancet. 2007;370(9588):657-666. doi:10.1016/S0140-6736(07)61342-7
9. Malabanan AO, Holick MF. Vitamin D and bone health in postmenopausal women. J Womens Health (Larchmt). 2003;12(2):151-156. doi:10.1089/154099903321576547
10. Bischoff-Ferrari HA, Willett WC, Wong JB, et al. Prevention of nonvertebral fractures with oral vitamin D and dose dependency: a meta-analysis of randomized controlled trials. Arch Intern Med. 2009;169(6):551-561. doi:10.1001/archinternmed.2008.600
11. Jackson C, Gaugris S, Sen SS, Hosking D. The effect of cholecalciferol (vitamin D3) on the risk of fall and fracture: a meta-analysis. QJM. 2007;100(4):185-192. doi:10.1093/qjmed/hcm005
12. Budhathoki S, Hidaka A, Yamaji T, et al. Plasma 25-hydroxyvitamin D concentration and subsequent risk of total and site specific cancers in Japanese population: large case-cohort study within Japan public health center-based prospective study cohort. BMJ. 2018 March 7. doi: 10.1136/bmj.k671
13. Zipitis CS, Akobeng AK. Vitamin D supplementation in early childhood and risk of type 1 diabetes: a systematic review and meta-analysis. Arch Dis Child. 2008;93(6):512-517. doi:10.1136/adc.2007.128579

Lise Lafaurie - Diététicienne et nutritionniste

Lise Lafaurie

Dietologa e nutrizionista, amante della vita e ho la vocazione a rispolverare la visione austera e vecchio stile della dieta tradizionale. Autrice del blog "Le Patatine Verdi", il motto che mi è caro "se fa bene alle mie papille gustative, fa bene al mio corpo".

  • Summary