Aubepina

Questo arbusto spinoso con fiori bianchi o rosa è stato utilizzato dall'uomo fin dalla notte dei tempi per le sue proprietà terapeutiche. Diamo uno sguardo al biancospino, un ingrediente chiave in molti trattamenti fitoterapici!

Origine

Questo albero cespuglioso e - come suggerisce il nome - spinoso appartiene alla famiglia delle Rosaceae. Fiorisce nella maggior parte delle regioni francesi e più in generale in tutte le regioni temperate dell'emisfero nord. I suoi piccoli frutti rossi che appaiono in autunno sono commestibili.

Il suo nome latino Crataegus monogyna deriva dal greco Kratos che significa forza, per la durezza del suo legno, ampiamente utilizzato nella fabbricazione di utensili. Il termine biancospino deriva dal latino alba spina che significa "spina bianca". Il biancospino sarebbe stato utilizzato fin dalla preistoria dagli uomini del Paleolitico che utilizzavano i suoi frutti come alimento. Poi, sei secoli prima della nostra era, la medicina tradizionale cinese la utilizzava per trattare i disturbi cardiovascolari. Nell'Antichità, il biancospino ha acquisito valori simbolici: lo si usa per allontanare il malocchio e per preservare la castità. Più tardi, i medici greci lo usano per alleviare i disturbi renali e della vescica.
È solo molto più tardi, verso la fine del XIX secolo, che le virtù terapeutiche del biancospino sono state messe in evidenza, grazie ai progressi della scienza. I ricercatori sono riusciti a identificare e isolare i composti attivi e a mostrare i loro effetti, in particolare sul cuore (cardiotonico) e sull'ansia (sedativo).
Oggi, il biancospino è usato nella composizione di quasi duecento preparati medicinali in Europa. Fa parte della farmacopea ufficiale di Cina, Gran Bretagna, Germania e Francia.

Principi attivi

I fiori, i ramoscelli e i frutti sono usati in erboristeria.
I fiori di biancospino contengono dall'1 al 2% di flavonoidi, noti per le loro proprietà antiossidanti. Tra questi flavonoidi, troviamo ramnosidi, iperosidi, rutina e vitexina. Sono quelli che conferirebbero al biancospino le sue proprietà cardioprotettive, rinforzando le contrazioni del muscolo cardiaco e regolando il suo ritmo.
Oltre a questi antiossidanti, il biancospino contiene anche dal 2 al 3% di proantocianidoli, con effetti tranquillanti e sedativi.

Benefici e virtù

Insufficienza cardiaca cronica

Una revisione dei risultati di 14 studi clinici condotti sul biancospino nel trattamento dell'insufficienza cardiaca è stata pubblicata nel 2008. Per essere inclusi, gli studi dovevano essere randomizzati, in doppio cieco e controllati con placebo.
La revisione ha osservato che "la tolleranza allo sforzo è stata significativamente aumentata dall'estratto di biancospino" e ha concluso "che c'è un beneficio significativo nel controllo dei sintomi e nei risultati fisiologici dell'estratto di biancospino come terapia aggiuntiva per l'insufficienza cardiaca cronica. "
Tutte le autorità sanitarie, dall'OMS, all'EMA (Agenzia Europea dei Medicinali) attraverso la Commissione E e l'ESCOP considerano come tradizionalmente stabilito l'uso del biancospino per alleviare l'insufficienza cardiaca lieve.

Malattie cardiovascolari

Il biancospino ha rivelato benefici a livello del sistema cardiovascolare, in particolare grazie alla sua azione sul miocardio. Inoltre, l'azione sinergica dei suoi vari componenti aumenterebbe la circolazione nelle coronarie.
Uno studio realizzato nel 2000 su 190 pazienti con disturbi cardiovascolari funzionali ha dato risultati molto positivi: il 71,6% dei soggetti trattati erano soddisfatti del loro trattamento.

Ansia

L'EMA (European Medicines Agency) riconosce come tradizionalmente stabilito l'uso di estratti di biancospino "per alleviare i sintomi leggeri dello stress e per promuovere il sonno" in adulti e adolescenti oltre i 12 anni.
Il biancospino è anche incluso nella composizione di due prodotti prescritti per trattare l'ansia: Euphytose e Sympathyl, entrambi i quali sono stati oggetto di studi34 che confermano la loro efficacia superiore a quella di un placebo nel ridurre i sintomi di stress e ansia.

Disturbi del sonno

Il biancospino è anche efficace per migliorare i lievi disturbi del sonno, di solito causati da ansia e stress. Sono in particolare le sue virtù che regolano la pressione alta, che lo rendono un rimedio naturale per l'insonnia: diminuendo il flusso sanguigno, favorisce il rilassamento e il sonno.

Posologia

In infusione: è così che è più spesso usato per combattere l'ansia e per sostenere il sonno. Si consiglia quindi da 10 a 20 G di fiori per litro di acqua bollente al ritmo di due o tre tazze al giorno.
Per le insufficienze cardiache leggere: ci sono capsule di nebulisât, estratti secchi o tinture madri. Le posologie sono da adattare secondo il prodotto: seguire le indicazioni del farmacista.
Il biancospino dovrebbe essere preso come cura per un massimo di 21 giorni. Se i sintomi persistono, si consiglia di fare una settimana di pausa tra due cicli di trattamento.

Effetti collaterali e controindicazioni

Non c'è una particolare precauzione d'uso per il biancospino, se non quella di rispettare le posologie indicate e la durata della cura. In assenza di dati sulla sua innocuità per il bambino, deve essere evitato dalle donne incinte o che allattano e nel bambino piccolo. Le persone con problemi di cuore, anche lievi, dovrebbero consultare il loro medico prima di prendere il biancospino.

Lise Lafaurie - Diététicienne et nutritionniste

Lise Lafaurie

Diététicienne et nutritionniste, bonne vivante et décomplexante j'ai pour vocation de dépoussiérer la vision austère et vieillotte de la diététique traditionnelle. Auteur du blog Les Frites Vertes, la devise qui m'est chère "si c'est bon pour mes papilles, c'est bon pour mon corps".

  • Summary