Bromelain

Tutto è buono nell'ananas, dalla sua polpa arancione dal sapore esotico al gambo e alle radici, da cui si estrae un enzima dalle molteplici proprietà salutari: la bromelina. Concentrati su un ingrediente attivo che si sta facendo un nome...

Origine

La bromelina è un complesso enzimatico che si trova nel gambo e nelle radici dell'ananas e in quantità minori nella polpa dell'ananas fresco. Prende il nome dalla bromelia, la famiglia di piante a cui appartiene l'ananas.
La storia della bromelina inizia nel 16° secolo con l'introduzione delle pentole di ananas nell'Asia Pacifica, dove divenne rapidamente la principale coltura commerciale. L'enzima non era ancora stato identificato, ma l'ananas era già utilizzato dalle popolazioni indigene per le sue proprietà curative, antinfiammatorie e digestive. Per esempio, i popoli dell'America centrale alleviavano i bruciori di stomaco bevendo il suo succo fresco e calmavano le ferite infiammate applicando impacchi di carne fresca, mentre alcune tribù venezuelane lo usavano come decongestionante.
La bromelina è stata identificata chimicamente alla fine del XIX secolo, ma non è stata utilizzata nella medicina occidentale fino alla fine degli anni '50. Fu proprio nel 1957 che Ralph Heinicke, dottore in biochimica al Pineapple Research Institute delle Hawaii, scoprì in che misura i gambi dell'ananas, fino ad allora considerati come rifiuti alimentari, erano ricchi di bromelina, cosa che suscitò immediatamente l'interesse europeo.
Negli ultimi trent'anni, la bromelina è stata ampiamente utilizzata nell'industria alimentare per intenerire la carne e in medicina per accelerare la guarigione post-operatoria o per trattare flebiti e sinusiti. Nella medicina tradizionale del Giappone e delle Hawaii, il lattice dei gambi d'ananas è usato per facilitare la digestione e per trattare alcuni tipi di cancro.

Principi attivi

La fonte principale di bromelina è l'ananas fresco, specialmente il gambo e le radici, sebbene anche la polpa dell'ananas fresco contenga bromelina. L'ananas in scatola, invece, non lo contiene più, perché l'enzima è sensibile al calore e quindi alla sterilizzazione ad alta temperatura.
La bromelina comprende un complesso di 8 enzimi proteolitici, il principale dei quali è la glicoproteina, oltre a diversi altri componenti non specifici (glucosidasi, perossidasi, cellulasi, ecc.) e sostanze insolubili (minerali, pigmenti colorati, acidi organici e solventi organici).

Benefici e virtù

Guarigione delle ferite

La bromelina ha un'azione antinfiammatoria riconosciuta. Diversi studi hanno confermato che l'integrazione di bromelina riduce l'infiammazione causata da interventi chirurgici, lividi o ematomi. Questo studio del 2003 mostra che "la bromelina riduce il gonfiore, i lividi, il dolore e il tempo di guarigione dopo un trauma o un intervento chirurgico".
Più recentemente, i risultati di questo studio iraniano del 2018 hanno mostrato che "la bromelina orale (500 mg/die) può essere efficace nel ridurre il dolore del sito del donatore dopo FGG e può anche migliorare la guarigione della ferita".
Infine, la bromelina ha anche dimostrato di essere efficace sul dolore perineale e sulla guarigione delle ferite dopo l'episiotomia, come dimostrato in questo studio del 2016. 3 La Commissione E ha anche approvato l'uso della bromelina per trattare l'edema post-operatorio e post-traumatico.

Salute cardiovascolare

Si dice che la bromelina abbia anche un'attività antipiastrinica, utile per prevenire la trombosi e l'ostruzione dei vasi da parte dei coaguli di sangue. Avrebbe anche un'azione fibrinolitica, che gli permette di agire sulla dissoluzione di questi coaguli di sangue. Secondo questo studio americano condotto nel 20084 sui ratti, la bromelina "innesca un percorso di sopravvivenza [...] nel cuore, rivelando un nuovo meccanismo d'azione cardioprotettivo e un potenziale bersaglio terapeutico contro le lesioni".

Digestione

La bromelina è un complesso enzimatico proteolitico, che per definizione facilita la digestione delle proteine consumate scindendole in aminoacidi.
Aiuta così a limitare i disagi digestivi associati ai pasti ricchi: gonfiore, flatulenza e bruciore di stomaco.

Tumori

I ricercatori si sono concentrati sull'azione anticancro della bromelina per alcuni anni. Diversi studi hanno mostrato risultati incoraggianti in questo settore.
Uno studio tedesco condotto in vivo5 in un modello di topo (roditore) ha concluso che "il trattamento con bromelina dopo l'inoculazione di cellule tumorali ha ridotto significativamente la crescita locale del tumore e le metastasi polmonari sperimentali in misura minore".
Un altro recente studio condotto a Taiwan nel 2019 ha esplorato il ruolo della bromelina nel cancro del colon-retto, fornendo al contempo una visione dei suoi meccanismi d'azione. Conferma che "questo composto può offrire un'alternativa a basso costo alle terapie attuali".

Osteoartrite e disturbi reumatici

Le comprovate proprietà analgesiche e antinfiammatorie della bromelina la rendono efficace nel ridurre i sintomi dell'artrite reumatoide. In particolare, uno studio del 2002 "ha esaminato gli effetti della bromelina sul dolore lieve e acuto al ginocchio di durata inferiore a 3 mesi in adulti altrimenti sani" e ha concluso che "può essere efficace nel ridurre i sintomi fisici e migliorare il benessere generale in adulti sani con dolore al ginocchio lieve e legato alla dose".
Uno studio condotto in India nel 2017 ha cercato di valutare l'efficacia della bromelina più tripsina rispetto al diclofenac sodico orale (terapia antinfiammatoria non steroidea) nel trattamento di alcuni tipi di osteoartrite. "Lo studio ha mostrato un miglioramento significativo nella riduzione del dolore nei pazienti trattati con la combinazione di enzimi orali e diclofenac sodico".

Dosaggio

La bromelina può essere usata internamente o esternamente a seconda del suo utilizzo. Per via interna, tra 125 e 500 mg tre volte al giorno è raccomandato per trattare l'edema post-operatorio o post-traumatico, per alleviare i disturbi digestivi o i dolori reumatici e artritici.
La bromelina è meglio prenderla tra i pasti, tranne che per il trattamento dei disturbi digestivi, dove è più efficace con i pasti.

Effetti collaterali e controindicazioni

Alcuni effetti collaterali sono stati osservati con grandi dosi di bromelina. Si tratta principalmente di disturbi digestivi come nausea, vomito, diarrea, mal di stomaco e periodi pesanti.

La bromelina è controindicata per le donne incinte o che allattano, i bambini sotto i 6 anni e le persone allergiche all'ananas, ma anche al polline d'oliva e al veleno d'api (rischio di allergia incrociata).

Esistono rischi di interazioni con trattamenti anticoagulanti o con certi antibiotici: si consiglia vivamente di chiedere consiglio al proprio medico prima di intraprendere un'integrazione.

Lise Lafaurie - Diététicienne et nutritionniste

Lise Lafaurie

Diététicienne et nutritionniste, bonne vivante et décomplexante j'ai pour vocation de dépoussiérer la vision austère et vieillotte de la diététique traditionnelle. Auteur du blog Les Frites Vertes, la devise qui m'est chère "si c'est bon pour mes papilles, c'est bon pour mon corps".

  • Summary