Ravintsara ed Estratto di Semi di Pompelmo: una combinazione naturale antibatterica e antivirale

Immunità, sistema immunitario, difese naturali: queste parole risuonano nelle nostre orecchie da molti mesi ormai. Ma, non intendiamo parlarvi dell’ennesima soluzione magica. In primo luogo, il sistema immunitario è una scienza antica, e la natura è ben fatta, le piante con benefici sorprendenti esistono davvero e si sono dimostrate più che efficaci nel tempo in questo campo.

Ecco un rapido sguardo al famoso Estratto di Semi di Pompelmo e all’Olio Essenziale di Ravintsara.

Una storia sorprendente

Estratto di Semi di Pompelmo

L’albero del pompelmo, della famiglia delle Rutaceae, è originario dell’Asia. L’estratto di semi di pompelmo (EPP) si ottiene estraendo grandi quantità di semi, ma anche la polpa e il mesocarpo del frutto.

Fu Jacob Harich, un fisico medico e immunologo, che scoprì i suoi benefici antibatterici nel 1980, mentre faceva giardinaggio. Diversi istituti, tra cui l’Istituto Pasteur, hanno poi intrapreso delle ricerche più approfondite in merito. È apparso un incredibile spettro d’azione, su batteri, virus, lieviti e funghi, così come vari parassiti.

Nel linguaggio quotidiano, i nomi “pompelmo” e “pomelo” sono spesso usati come sinonimi, ma cosa sono veramente?

Rappresentano due diversi tipi di frutta di due diverse specie del genere Citrus:

Citrus maxima (o Citrus grandis) è l’albero da frutto dell’albero del pompelmo. Ha avuto origine nel sud-est asiatico e produce un frutto commestibile con una spessa scorza gialla, rosa o verdastra.

Citrus paradisi è un ibrido tra l’albero del pompelmo e quello dell’arancio dolce (Citrus maxima x Citrus sinensis). Il frutto è commestibile e ha una sottile scorza gialla o rosa.

In poche parole, si tratta di Citrus paradisi, noto come pomelo, che ha avuto tanto successo in termini di benefici.

Olio Essenziale di Ravintsara

La ravintsara (Cinnamomum camphora), l’albero della canfora, è un albero della famiglia delle Lauraceae. Può essere selvatico o coltivato. Il suo fogliame è sempreverde, e soprattutto molto aromatico: le foglie emanano un significativo odore di canfora quando vengono accartocciate. L’olio essenziale ottenuto per distillazione ha un profumo fresco e piacevole, che ricorda quello dell’eucalipto.

Ancora sconosciuta negli anni ’80, la Ravintsara è stata importata dall’Asia al Madagascar. Originariamente, questa specie conteneva un alto contenuto di canfora, ma la sua composizione chimica si è evoluta sul suolo malgascio. Inoltre, quando fu introdotta in Madagascar, la pianta mutò e non conteneva praticamente più canfora; in compenso, si arricchì di un’altra molecola: 1,8 cineolo. In Madagascar, è diventato noto come “l’albero delle foglie buone”.

È proprio la sua composizione in 1,8 cineolo che dà all’olio le sue proprietà principali.

Proprietà conosciute e riconosciute

I benefici dell’Estratto di Semi di Pompelmo

Molti considerano l’estratto di semi di pompelmo (EPP) un potente antivirale e battericida.

L’EPP contiene un gran numero di sostanze sorprendenti che combattono le malattie. Questi includono antiossidanti e fitonutrienti chiamati bioflavonoidi che hanno un’azione antinfiammatoria e antiallergica.

Il pompelmo è anche noto per essere ricco di citroflavonoidi, limonoidi e vitamina C. È anche molto ricco di minerali. La vitamina C si trova principalmente nel mesocarpo e nell’epicarpo.

Il contenuto di vitamine A, C, E, selenio e zinco nell’estratto di pompelmo lo rende anche un antiossidante naturale ed efficace contro lo stress ossidativo e i radicali liberi, che sono responsabili dell’invecchiamento cellulare.

L’Estratto di Semi di Pompelmo (EPP) è particolarmente efficace contro :

  • Stanchezza (con un alto contenuto di vitamina C).
  • Disturbi del sistema digestivo causati da batteri come la gastroenterite.
  • Disturbi ORL causati dal raffreddore, come il mal di gola o il naso bloccato.
  • Infezioni urinarie o genitali.
  • Problemi di pelle (acne, herpes: herpes labiale).
  • Infezioni orali come le afte.

Oltre al suo ampio spettro d’azione, l’EPP sosterrà le difese immunitarie mentre gli antibiotici convenzionali le inibiscono.

Per assicurarsi un prodotto di qualità, è importante scegliere EPP preferibilmente in forma liquida (migliore efficacia) e controllare che l’estratto che contiene sia di Citrus paradisi e non di Citrus grandis (quest’altra varietà è meno efficace e i suoi benefici non sono scientificamente supportati come quelli di Citrus paradisi).

L’estratto di semi di pompelmo non deve essere confuso con l’olio essenziale di scorza di pompelmo. Tuttavia, anche l’olio essenziale è molto interessante. Ha anche proprietà antibatteriche e antivirali. Infine, è un tonico e un decongestionante: un alleato per i malanni invernali.

I benefici dell’olio essenziale di Ravintsara

L’olio essenziale di Ravintsara è una delle armi più potenti dell’aromaterapia.

È uno straordinario antivirale. Questa è la proprietà più nota di questo olio. Supporterà il sistema immunitario ed è anche un espettorante.

Come avrai letto in precedenza, la sua ricchezza in 1,8 cineolo garantisce un effetto antivirale massimo, e non è citotossico. Infatti, gli studi dimostrano che questo composto ha un meccanismo d’interferenza sulla replicazione del DNA virale.

Oltre al suo effetto antivirale, il suo effetto antibatterico è anch’esso molto interessante. Questo non è dovuto solo all’1,8 cineolo, ma anche al terpinene-4-olo e all’alfa-terpineolo che distruggono le membrane cellulari dei batteri.

È usato per trattare e prevenire i seguenti problemi:

  • Tubi bronchiali intasati, naso bloccato o tosse
  • Influenza, gastroenterite, sinusite…
  • Problemi della pelle come l’herpes labiale
  • Infezioni della bocca come le afte

È anche un tonico generale. Equilibra il sistema nervoso e quindi aiuta a combattere la stanchezza.

Ha anche un potere antinfiammatorio che permette il mantenimento della produzione fisiologica di immunomodulatori.

a) Combinati, i benefici sono moltiplicati

L’estratto di semi di pompelmo e l’olio essenziale di ravintsara sono notevolmente efficaci e non citotossici. Possono essere combinati insieme per due scopi: non solo preventivo ma anche curativo.

L’azione dei bioflavonoidi, insieme a quella dell’1,8 cineolo, può contrastare la maggior parte delle infezioni.

Come misura preventiva, si raccomanda un trattamento di un mese di estratto di semi di pompelmo e un trattamento di due settimane di olio essenziale di ravintsara.

Come cura, il loro uso dipenderà dalla patologia che ti colpisce.

Usi multipli

I campi di applicazione dell’EPP sono particolarmente ampi, in quanto può essere usato internamente e/o localmente in caso di gengiviti, stomatiti, afte, acne, funghi, raffreddori, influenza, malattie delle vie respiratorie superiori come rinite, sinusite, mal di gola, tosse, otite, e squilibri della flora intestinale, diarrea, colite.

L’estratto di semi di pompelmo non è raccomandato puro. Pertanto, la quantità giornaliera indicata dovrebbe essere mescolata in un bicchiere d’acqua.

Allo stesso modo dell’EPP, l’olio essenziale di ravintsara avrà anch’esso delle aree di applicazione molto ampie. Avrà anche diversi metodi di utilizzo.

Esternamente, da 1 a 2 gocce vengono applicate sul petto. Si possono anche applicare 1 o 2 gocce nell’incavo dei polsi.

Quando viene diffuso, può essere usato per purificare e pulire una stanza, e anche per pulire il naso chiuso e trattare la tosse.

Internamente, può essere raccomandato come cura per l’influenza e la gastro-enterite, con 1 o 2 gocce da ingerire in un cucchiaio di olio vegetale o miele, mattina e sera.

Conclusione

Nei periodi di rischio, fate i passi giusti! Sia come misura preventiva o curativa, la combinazione di:

Ti farà superare questo periodo difficile.

Riferimenti

(1) L. Marcillaud, Bernard Doneche. Extrait des pépins et de la pulpe de pamplemousse. Un produit, mille usages. Connaissance de la Vigne et du Vin, 1995, pp.36-37.  

(2) Thouny J. L’Extrait de Pépins de Pamplemousse (EPP) et ses vertus. Published 2019. Accessed October 22, 2020.

(3) Lyu SY, Rhim JY, Park WB. Antiherpetic activities of flavonoids against herpes simplex virus type 1 (HSV-1) and type 2 (HSV-2) in vitro. Arch Pharm Res. 2005;28(11):1293-1301.

(4) Michaël Mansard, Dominique Laurain-Mattar, Françoise Couic-Marinier, Huile essentielle de Ravintsara, Actualités Pharmaceutiques, Volume 58, Issue 585, 2019, Pages 57-59, ISSN 0515-3700.

(5) Z. Yang, N. Wu, Y. Fu, G. Yang, W. Wang, Y. Zu et T. Efferth : Anti-infectious bronchitis virus (ibv) activity of 1,8-cineole : Effect on nucleocapsid (n) protein. J.  Biomol. Struct. Dynam., 28(3):323– 330, 2010.

(6) R. Kotan, S. Kordali et A. Cakir : Screening of antibacterial activities of twenty-one oxygenated monoterpenes. Z Naturforsch C, 62(7-8):507–513, 2007.

Notez cet post

Axelle

Come ingegnere in biologia, le mie esperienze in fitoterapia e aromaterapia mi hanno permesso di unire valori e professione. Oggi, sono desiderosa di condividere le mie conoscenze per imparare tutti insieme a consumare prodotti naturali in modo più consapevole e ragionato per la vostra salute e il vostro benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *