Perché l’olio di Krill è l’integratore di Omega 3 più efficace per la memoria?


Omega 3 + Krill supplemento capsule, Nutrimea

In un precedente articolo sul ruolo dell’integrazione di Omega 3 nella lotta contro la depressione, abbiamo ricordato che l’Agenzia nazionale francese per la sicurezza sanitaria (ANSES) ha indicato che “gli acidi grassi Omega 3 costituiscono una famiglia di acidi grassi essenziali. Raggruppa gli acidi grassi essenziali, necessari per lo sviluppo e il buon funzionamento del corpo umano, ma che il nostro corpo non può produrre”(1).

Gli acidi grassi Omega-3 devono quindi essere forniti dalla dieta e ce ne sono tre:

  • Uno di essi, l’acido alfa-linolenico (ALA) è fornito dalle piante terrestri, e può servire come base per la produzione degli altri due da parte del nostro corpo,
  • Gli altri due sono forniti da animali e piante marine (in particolare i pesci grassi come il salmone, il tonno, lo sgombro, l’aringa, le sardine e le acciughe, ecc.) e sono chiamati acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA).

Per quanto riguarda gli ultimi due, ANSES afferma che “EPA e DHA svolgono un ruolo nella funzione del cervello negli adulti e durante l’invecchiamento, …”(1).

DHA e miglioramento delle funzioni cognitive

Numerosi studi, prove cliniche, meta-analisi e revisioni della letteratura scientifica hanno studiato gli effetti dell’assunzione di Omega 3 sulla funzione cerebrale.

Per quanto riguarda l’azione positiva sulla memoria e la concentrazione, è soprattutto l’assunzione di DHA, attraverso l’alimentazione o gli integratori alimentari, che è essenziale (2).

Un primo studio condotto da un team australiano(3) ha studiato l’effetto sulle prestazioni cognitive di 6 mesi di integrazione di DHA su 176 adulti sani (di età compresa tra 18 e 45 anni) con una dieta povera di DHA, rispetto a un placebo (sostanza senza attività).

Dopo 6 mesi di integrazione di DHA, due aspetti della memoria dei partecipanti sono stati significativamente migliorati rispetto al placebo:

  • Tempo di reazione della memoria episodica (memoria di eventi passati e del loro contesto);
  • Tempo di reazione della memoria di lavoro (memoria a breve termine per immagazzinare e utilizzare le informazioni per eseguire un compito).

È interessante notare che c’è una differenza di genere nella risposta alla supplementazione di DHA.

Infatti, l’aumento rispetto al placebo in :

  • Il tempo di reazione della memoria episodica era maggiore nelle donne;
  • Il tempo di reazione della memoria di lavoro era maggiore negli uomini.

Per completare il loro lavoro, gli stessi ricercatori australiani hanno effettuato una revisione dei dati scientifici disponibili(4) e hanno concluso che il consumo di acidi grassi Omega 3 derivati da fonti marine, in particolare DHA, può migliorare le prestazioni cognitive relative all’apprendimento, lo sviluppo cognitivo, la memoria e la velocità di esecuzione dei compiti cognitivi.

Sottolineano anche che le persone che consumano abitualmente diete povere di DHA sembrano beneficiare maggiormente dell’integrazione.

Che ruolo ha il DHA nel cervello?

Il DHA è predominante nel cervello perché è un componente essenziale delle cellule nervose, i neuroni.

È particolarmente presente nei componenti dei circuiti cerebrali che permettono la trasmissione degli impulsi nervosi (dendriti, sinapsi, ecc.) e quindi ha un impatto sulla struttura e la funzione del cervello e sulla plasticità cerebrale.

Nonostante il suo ruolo essenziale nella funzione cerebrale, la capacità umana di sintetizzare il DHA è limitata, quindi il suo consumo attraverso la dieta è essenziale, e la dieta moderna generalmente manca di quantità apprezzabili di DHA(4).

È sotto forma di fosfatidilserina, sintetizzata dalla fosfatidilcolina, che il DHA è presente nel cervello e l’integrazione di DHA aumenta il contenuto di fosfatidilserina del cervello(5).

Olio di krill: la fonte più efficace di DHA

Due studi clinici sono stati condotti per scoprire quale sia la migliore fonte di DHA per il nostro cervello.

Il primo studio(6) ha confrontato l’impatto di due integratori alimentari di 12 settimane, uno costituito da olio di pesce ricco di DHA e l’altro di olio d’oliva (senza DHA) sull’attività cerebrale.

65 adulti sani di età compresa tra i 18 e i 29 anni hanno partecipato a questo studio clinico.

L’attività cerebrale è stata valutata misurando i livelli di emoglobina nel sangue nella corteccia prefrontale (la regione del cervello responsabile delle funzioni esecutive) durante i compiti cognitivi.

I ricercatori hanno trovato un aumento significativo del flusso sanguigno cerebrale durante i compiti di memoria nel gruppo dell’olio di pesce rispetto al gruppo dell’olio d’oliva.

Nel secondo studio(7), altri scienziati hanno voluto determinare se tutte le fonti di olio di pesce erano equivalenti in termini di contributo di DHA al cervello.

Hanno condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, confrontando l’integrazione di olio di Krill con l’integrazione di olio di sardina e un placebo in 45 uomini anziani sani per 12 settimane.

Come nello studio precedente, i cambiamenti dei livelli di emoglobina nel sangue nella corteccia sono stati misurati durante i compiti di memoria e di calcolo.

Durante i compiti di memoria di lavoro, i cambiamenti nelle concentrazioni di emoglobina nel sangue nei gruppi dell’olio di krill e dell’olio di sardina erano entrambi significativamente maggiori di quelli del gruppo placebo dopo 12 settimane di integrazione.

Al contrario, per i compiti di calcolo, solo il gruppo dell’olio di krill aveva una concentrazione di emoglobina significativamente più alta rispetto al gruppo placebo alla settimana 12.

Secondo gli autori, questa superiorità dell’olio di Krill per i compiti di calcolo può essere spiegata dal fatto che il DHA è presente direttamente sotto forma di fosfatidilcolina e può quindi essere direttamente integrato nelle strutture del cervello, mentre altri oli marini come l’olio di sardina forniscono DHA sotto forma di trigliceridi.

Bibliografia

(1) https://www.anses.fr/fr/content/les-acides-gras-om%C3%A9ga-3

(2) Long-chain omega-3 fatty acids and the brain: a review of the independent and shared effects of EPA, DPA and DHA. Dyall SC Front Aging Neurosci. 2015 Apr 21;7:52. doi: 10.3389/fnagi.2015.00052

(3) DHA supplementation improved both memory and reaction time in healthy young adults: a randomized controlled trial Welma Stonehouse, Cathryn A Conlon, John Podd, Stephen R Hill, Anne M Minihane, Crystal Haskell, and David Kennedy Am J Clin Nutr2013;97:1134–43

(4) Does consumption of LC omega-3 PUFA enhance cognitive performance in healthy school-aged children and throughout adulthood? Evidence from clinical trials. Stonehouse W. Nutrients. 2014 Jul 22;6(7):2730-58. doi: 10.3390/nu6072730.

(5) Phosphatidylserine in the brain: metabolism and function. Kim HY, Huang BX, Spector AA. Prog Lipid Res. 2014 Oct;56:1-18. doi: 10.1016/j.plipres.2014.06.002. Epub 2014 Jun 30.

(6) Docosahexaenoicacid-rich fish oil modulates the cerebral hemodynamic response to cognitive tasks in healthy young adults. Philippa A .Jacksona, Jonathon L. Reaya, Andrew B. Scholeyb, David O. Kennedy Biological Psychology 89 (2012) 183–190 

(7) Effects of krill oil containing n-3 polyunsaturated fatty acids in phospholipid form on human brain function: a randomized controlled trial in healthy elderly volunteers Chizuru Konagai, Kenichi Yanagimoto, Kohsuke hayamizu, li han, Tomoko Tsuji, Yoshihiko Koga. Clinical Interventions in Aging 2013:8 1247–1257

Notez cet post

Gilles Badot

Scienziato di formazione (farmacologia clinica, metabolismo dei farmaci e nutrizione), sono stato per 18 anni direttore dell'informazione scientifica e della ricerca clinica presso i laboratori GENEVRIER e, da gennaio 2016 a ottobre 2018, ho ricoperto la carica di presidente del gruppo "acidi ialuronici" dell'Unione nazionale dell'industria delle tecnologie mediche (SNITEM).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *