Olio di cocco: il tuo alleato di bellezza naturale al 100%

Da non confondere con l’olio di copra, anch’esso prodotto dalle noci di cocco, l’olio vergine di cocco rivaleggia in bellezza, salute e benefici cosmetici. Approfondiamo insieme su questo olio super star!

Origine

L’olio di cocco si ottiene dalla spremitura a freddo dell’albume fresco (equivalente alla polpa) della noce di cocco. È qualitativamente diverso dall’olio di copra, che è anche fatto dall’albume della noce di cocco, ma per pressatura a caldo della polpa essiccata. Ha quindi perso il suo caratteristico sapore di cocco e alcuni dei suoi benefici nutrizionali e salutari. L’olio di copra è utilizzato in particolare per la fabbricazione di monoi.

L’olio di cocco, come il burro, è solido a temperatura ambiente e si liquefa solo sopra i 25 gradi a causa del suo alto contenuto di grassi saturi.  Si chiama anche “burro di cocco”.

È originario del Sud-Est asiatico e della Polinesia, dove sono stati trovati fossili di cocco che risalgono a diversi milioni di anni fa. Il suo nome latino, cocos nucifera, deriva dalla parola nux “noce” e fero “porto”. Oggi viene prodotto principalmente in Indonesia, nelle Filippine, in India e in Brasile.

Ampiamente utilizzato in tutto il mondo fino alla fine del XIX secolo, la sua popolarità è diminuita a causa dei suoi grassi (saturi), che non erano considerati benefici per la salute. È solo recentemente, all’inizio degli anni 2000, che la sua popolarità è aumentata di nuovo, da un lato con la scoperta della sua ricchezza in trigliceridi a catena media (MCT), che hanno benefici per la salute che controbilanciano gli effetti nocivi del suo alto contenuto di grassi saturi, ma soprattutto per i suoi numerosi benefici cosmetici e di bellezza.

Principi attivi

La composizione in acidi grassi dell’olio di cocco è distribuita come segue

  • 5-8% di acidi grassi monoinsaturi (omega 9)
  • dall’1 al 3% di acidi grassi polinsaturi (omega 6 e 3)
  • dal 73 all’89% di acidi grassi insaturi

L’olio di cocco contiene quindi una percentuale molto alta di acidi grassi saturi, a lungo denunciati come associati a un alto rischio cardiovascolare. Ma a differenza di altre fonti di grassi saturi, come il burro, le carni grasse e i salumi, contiene una quantità molto grande di trigliceridi a catena media (MCT) la cui azione sul corpo è molto diversa da quella dei trigliceridi a catena lunga e che hanno numerosi benefici per la salute. L’olio di cocco vergine è addirittura il grasso più ricco di MCT esistente, poiché ne contiene quasi il 60%, contro il 9% del burro.

L’olio di cocco contiene un’alta quantità di acido laurico (dal 40 al 50%), che gli conferisce qualità antisettiche, così come l’acido caprilico, noto per la sua efficacia nel trattamento della candidosi cronica.

Oltre a questi acidi grassi, l’olio di cocco contiene anche vitamina E e fitosteroli.

Benefici e virtù

I principali benefici dell’olio di cocco vergine sono cosmetici. Allo stesso tempo detergente, emolliente, anti-infettivo ed estremamente nutriente.

Capelli e cuoio capelluto

La sua ricchezza in acido laurico rende l’olio di cocco idratante e nutriente per i capelli danneggiati. Come maschera sulle punte, ripara le punte danneggiate e restituisce forza e lucentezza ai capelli.

Quando viene massaggiato sulla testa, pulisce il cuoio capelluto ed è un efficace trattamento antiforfora. In India, è persino usato per combattere la caduta dei capelli, stimolare la crescita dei capelli e prevenire la comparsa dei capelli grigi.

Infine, secondo uno studio israeliano del 20021, l’olio di cocco, combinato con l’olio di ylang-ylang e l’olio di anice, è un trattamento naturale che è “molto efficace nel controllo delle infestazioni di pidocchi in condizioni cliniche e non ha causato effetti collaterali gravi”.

Pelle

Ricco di acidi grassi essenziali, l’olio di cocco è molto nutriente e ha proprietà riparatrici che combattono efficacemente la disidratazione della pelle. Le sue proprietà ammorbidenti e purificanti lo rendono molto efficace per alleviare rossori, lievi scottature e altre irritazioni della pelle. La sua consistenza cremosa lo rende pratico e piacevole da usare, dando alla pelle un aspetto satinato e un odore delicatamente esotico.

Le vitamine A ed E che contiene, note per le loro proprietà antiossidanti, fanno dell’olio di cocco un ottimo trattamento anti-età che aiuta a combattere l’invecchiamento della pelle e la comparsa di linee sottili.

Un’altra freccia al suo arco: l’olio di cocco si rivela un eccezionale struccante che rimuove anche il mascara impermeabile più ostinato!

Infine, secondo un recentissimo studio australiano del 20192, le proprietà emollienti e anti-infettive dell’olio di cocco potrebbero renderlo un agente topico potenzialmente benefico per i neonati prematuri con pelle immatura, a maggior rischio di disidratazione e infezione.  Lo studio conclude che “l’applicazione topica dell’olio di cocco può ridurre il rischio di infezione e migliorare l’aumento di peso e le condizioni della pelle nei neonati pretermine”.

Denti

Ed è ancora la sua ricchezza in acido laurico che fa dell’olio di cocco un alleato per i nostri denti. Le sue proprietà antibatteriche, antimicrobiche e igienizzanti gli permettono di combattere efficacemente lo sviluppo di microbi, batteri e lieviti che causano carie e placca dentale.

Usato quotidianamente in un dentifricio fatto in casa (combinato con bicarbonato e argilla bianca) o come collutorio, l’olio di cocco rende i denti più bianchi, migliora l’alito e riduce l’infiammazione (gengiviti, carie…).

Uno studio irlandese del 20123 ha studiato l’effetto dell’olio di cocco sulla carie e ha concluso che “l’olio di cocco digerito è in grado di attaccare i batteri responsabili della carie. Secondo gli scienziati “è un antibiotico naturale che potrebbe essere incorporato nei prodotti commerciali per la cura dei denti”.

Effetti collaterali e controindicazioni

In cosmetica, l’olio di cocco ha pochissime controindicazioni. Tuttavia, le persone con la pelle grassa o a tendenza acneica dovrebbero evitare di applicare l’olio di cocco sul viso, perché questo potrebbe aggravare il problema.

Attenzione ai rischi allergici: anche se le persone allergiche alle noci non devono diffidare dell’olio di cocco, che non appartiene alla famiglia delle noci, contrariamente a quanto potrebbe suggerire il suo nome, esiste un’allergia specifica al cocco, che non è molto diffusa.

Riferimenti

1. Mumcuoglu, K.Y., J. Miller, C. Zamir, G. Zentner, V. Helbin & A. Ingber. 2002. The in vivo pediculicidal efficacy of a natural remedy. Isr. Med.

2. Sameer Shivaji Pupala, Shripada Rao, Tobias Strunk, Sanjay Patol. 2019. Topical application of coconut oil to the skin of preterm infants: A systematic review.

3. Society for General Microbiology. Coconut oil could combat tooth decay. ScienceDaily. 2 septembre 2012.

Notez cet post

Lise Lafaurie

Dietista e nutrizionista, amante della vita e ho la vocazione a rispolverare la visione austera e vecchio stile della dieta tradizionale. Autrice del blog “Le Patatine Verdi”, il motto che mi è caro "se fa bene alle mie papille gustative, fa bene al mio corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *